I due Coniugi Luigi e Zelia Martin sono raffigurati il giorno delle loro nozze e circondati da una corona di rose che simboleggia la santità, l'amore e la fedeltà. Insieme come coppia hanno raggiunto la perfezione evangelica sostenuti dalla grazia del sacramento del Matrimonio. Un'unica aureola per due. "Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo" (Mt 25,31-46).

L'iscrizione: BIENHEUREUX EPOUX LOUIS ET ZELIE MARTIN (Beati sposi Luigi e Zelia Martin)sottolinea il titolo con il quale la Chiesa riconosce la loro santità che ha arrichito la Storia della Chiesa con un eposiodio di pura luce.
 

La coppia biblica Sara e Tobia, evoca il ruolo eminente della vocazione matrimoniale nella storia degli uomini come in quella della salvezza, dove i protagonisti, si lasciano determinare e guidare dalla volontà di Dio che li conduce con successo verso la "via della felicità". Anche i Beati Martin, come Sara e Tobia, sono stati chiamati ad incontrare l'amore seguendo Dio.

L'iscrizione: LISIEUX 19 OCTOBRE (Lisieux 19 ottobre) ricorda il luogo e il giorno in cui il Santo Padre Benedetto XVI, ha iscritto congiuntamente i nomi dei Coniugi Martin all'Albo dei Beati.

I TEMI :

La corona di rose (recto della medaglia), Sara e Tobia (verso della medaglia), sono tratti dalla medaglia commemorativa che Luigi Martin regalò a Zelia Guérin in ricordo delle loro nozze celebrate nella parrocchia di Notre-Dame ad Alençon il 13 luglio 1858. Secondo l'uso del tempo la medaglia venne benedetta dopo lo scambio delle fedi e consegnata da Luigi a Zelia come pegno delle loro reciproche promesse matrimoniali. L'originale, tuttora esistente è conservato dalla Diocesi di Sées.