Come invocare
Padre Maurizio di Gesù Bambino

 

Per esempio con una novena

Che cos’è una novena
Una Novena di preghiera e d'intercessione è un'antica tradizione della Chiesa. È una preghiera insistente, fatta con determinazione e costanza per nove giorni consecutivi, nella fiducia di poter ottenere qualcosa. Si ispira alla preghiera fatta con un cuore solo dagli apostoli, riuniti attorno a Maria nel Cenacolo, durante i nove giorni che separano l'Ascensione del Signore dalla discesa dello Spirito Santo il giorno di Pentecoste (At 2,1-4).

È “pregare sempre senza stancarsi”, come la vedova importuna del capitolo 18 del Vangelo di Luca. Oppure come quell’uomo di cui parla Gesù nel capitolo 11 dello stesso Vangelo: con la sua insistenza ottiene dall’amico il pane di cui ha bisogno, nonostante sia mezzanotte.

Ogni Novena persegue un fine spirituale o materiale. Nessun aspetto della nostra vita è indifferente, e meno ancora straniero, al Padre Nostro che è nei Cieli. Egli ci accorda ogni grazia, ogni dono che favorisce la nostra crescita spirituale, a condizione che noi glielo chiediamo: “Chiedete e vi sarà dato” (Mt 7,7).

Quando fare una novena
Ogni volta che si vuole chiedere a Dio un aiuto particolare per una nostra necessità spirituale o materiale (preoccupazioni, angosce, depressione, malattie, problemi familiari, matrimonio in crisi, mancanza di lavoro…).
La Parola di Dio dice infatti: “Non angustiatevi per nulla, ma in ogni necessità esponete a Dio le
vostre richieste, con preghiere, suppliche e ringraziamenti” (Fil, 4,6).

Perché chiedere l’intercessione di un santo
La Parola di Dio dice: “pregate gli uni per gli altri” (Gc 5,16), “sostenetevi a vicenda” (1 Ts 5,11), “è gloria del Padre Mio che portiate molto frutto e che il vostro frutto rimanga” (cfr. Gv 15,8.16).
A chi sulla terra è stato un servitore fedele di Dio, Gesù stesso dice: “Servo buono e fedele, sei stato fedele nel poco, ti darò autorità su molto” (Mt 25,21).
“A chi persevera sino alla fine nelle mie opere, darò autorità sopra le nazioni; le pascolerà con la stessa autorità che a me fu data dal Padre mio” (Ap 2,26-28).
Perciò possiamo fiduciosamente chiedere a Padre Maurizio di Gesù Bambino di pregare per noi dal Cielo e ottenerci le grazie di cui abbiamo bisogno.

Novena a
Padre Maurizio di Gesù Bambino

Per pregare occorre mettersi in raccoglimento davanti a Dio.

Chiediamo a Padre Marcello dell’Immacolata di aiutarci a metterci alla presenza di Dio e con Lui, “quando preghi, entra nella tua camera e, chiusa la porta, prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà” (Mt 6,6).

Ringraziare Dio Padre perché possiamo stare davanti a Lui con familiarità e fiducia, come dice la Parola di Dio: “Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della Grazia, per ricevere misericordia e trovare grazia ed essere aiutati al momento opportuno” (Eb 4,16).

- Dio, Padre di Misericordia, Tu sei l’Onnipotente, Tu sei il Creatore di tutto ciò che esiste
- Dio, Padre di infinita tenerezza, Tu sei grande,Tu sei Santo, Tu ci ami.
- Grazie che posso rivolgermi a Te con fiducia.
- Grazie che hai cura di me.
- Grazie che ti interessi a me, a ogni particolare della mia vita.

Dire lentamente, col cuore, Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.Com’era nel principio e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

Ringraziare Dio per averci dato Padre Maurizio di Gesù Bambino.

- Grazie Gesù perché hai chiamato Padre Maurizio di Gesù Bambino a diventare un intercessore e un riferimento per noi.
- Grazie che hai fatto cose grandi nella sua vita.
- Grazie che hai dato a Padre Maurizio di Gesù Bambino la forza di essere carmelitano scalzo fino alla fine per testimoniarti, attraverso il ministero sacerdotale.
- Grazie perché Padre Maurizio di Gesù Bambino portava la tua Presenza ovunque passava, a chiunque incontrava e a chiunque lo cercava.
- Grazie che anch’io posso avere fiducia che tu permetterai a Padre Maurizio di Gesù Bambino di aiutarmi in questa mia necessità … (esporre la necessità).

Novena

O Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo, Trinità beata,
noi ti rendiamo grazie
per aver chiamato l’uomo a partecipare della tua vita di santità
e per aver donato al Carmelo Teresiano
in Padre Maurizio di Gesù Bambino un segno del Tuo amore per noi.
Noi contempliamo le meraviglie che hai operato nella sua vita:
lo spirito e la verità della solida vita di orazione,
il generoso impegno nella guida delle persone e
nella predicazione della tua Parola e
l’amore ardente e appassionato al Carmelo.
In ogni ambito della sua vita ha vissuto la fede, la speranza e la carità.
Trinità Santissima, per l’aiuto di questo nostro fratello,
concedici di imitarne l’amore per te e diventare come lui testimoni del tuo mistero.
Dona pace e salvezza per la tua Chiesa,
in modo particolare quella che è in Terra d’Israele,
che Padre Maurizio ha amato e servito
vivendo e accogliendo chi si recava pellegrino sul Carmelo, tuo santo monte.
Ti chiediamo per noi ogni grazia spirituale e materiale; in particolare…
O Trinità infinita, se è nei tuoi disegni,
fa’ che Padre Maurizio di Gesù Bambino per il nostro nuovo millennio
sia conosciuto in tutta la Chiesa a onore e gloria del tuo Nome.
Amen.

Pater, Ave, Gloria

Con approvazione ecclesiastica
città, data
+ vescovo,

Indirizzi

Per raccontare le grazie ricevute, per chiedere delle reliquie, per avere le diverse pubblicazioni che lo riguardano e quelle che riferiscono i suoi scritti, contattare: padre Antonio Sangalli, vice-postulatore - Convento San Girolamo - Via Pergolato, 1 - 44121 Ferrara. Telefono diretto: 0532 65125- e-mail: sangalli.antonio@tiscali.it